Calabria judaica - Sud ebraico

Calabria judaica ~ Sud ebraico
Storia, cultura e attualità ebraiche in Calabria
con uno sguardo al futuro e a tutto il Meridione

Secondo una leggenda, che attesta l'antica frequentazione orientale della nostra regione, Reggio fu fondata da Aschenez, pronipote di Noé.
La sinagoga del IV secolo, ricca di mosaici, di Bova Marina, è la più antica in Occidente dopo quella di Ostia Antica; a Reggio fu stampata la prima opera in ebraico con indicazione di data, il commento di Rashì alla Torah; Chayim Vital haQalavrezì, il calabrese, fu grande studioso di kabbalah, noto anche con l'acronimo Rachu.
Nel Medioevo moltissimi furono gli ebrei che si stabilirono in Calabria, aumentando fino alla cacciata all'inizio del XVI secolo; tornarono per pochi anni, richiamati dagli abitanti oppressi dai banchieri cristiani, ma furono definitivamente cacciati nel 1541, evento che non fu estraneo alla decadenza economica della Calabria, in particolare nel settore legato alla lavorazione della seta.
Dopo l’espulsione definitiva, gli ebrei (ufficialmente) sparirono, e tornarono temporaneamente nella triste circostanza dell’internamento a Ferramonti; oggi non vi sono che isolate presenze, ma d'estate la Riviera dei Cedri si riempie di rabbini che vengono a raccogliere i frutti per la celebrazione di Sukkot (la festa delle Capanne).
Questo blog è dedito in primo luogo allo studio della storia e della cultura ebraica in Calabria; a
ttraverso questo studio vuole concorrere, nei suoi limiti, alla rinascita dell'ebraismo calabrese; solidale con l'unica democrazia del Medio Oriente si propone come ponte di conoscenza e amicizia tra la nostra terra e Israele.

IN PRIMO PIANO: eventi e appuntamenti


24 gennaio, Reggio; Mostra 24 gennaio-12 febbraio: Giorno della memoria al MaRC

24-29 gennaio, Ferramonti di Tarsia: Celebrazione del giorno della memoria

24, 27 e 29 gennaio, Castrovillari; Mostra 24 gennaio - 2 febbraio; 28 gennaio, Morano: Per il giorno della memoria


25 gennaio, Vadue di Carolei (CS): "Vedere l'Altro, vedere la Shoah"

25-27 gennaio, Catanzaro Lido e varie località della provincia: Iniziative dell'Anpi provinciale


1° febbraio, Roma: Il viaggio del Pentcho

24.11.2016 - 10.3.2017, Napoli: Progetto Wajda

c

c

giovedì 27 gennaio 2011

La Calabria ricorda la Shoah

Ampio e nutrito il panorama che il Quotidiano della Calabria di ieri dedica alle iniziative in Calabria sul Giorno della memoria

Anpi di Reggio: “Train de vie”, un film per ricordare il dramma dell’Olocausto
In occasione della “Giornata della memoria” l’Anpi di Reggio Calabria ha deciso, in rete con Auser Territoriale, Arci, Centro Studi “Gianni Bosio”, Circolo del cinema “C. Chaplin”, Circolo del cinema “C. Zavattini”, Dasud Onlus, Dopolavoro Ferroviario e Fondazione Di Vittorio, di presentare il film “Train de vie” del regista Radu Mihaileanu. Si tratta di una spiritosissima e amara commedia di un romeno, autore del geniale soggetto e della brillante sceneggiatura. Un film realizzato prima di “La vita è bella” di Benigni e che, come quello, “mescola umorismo e dramma, riuscendo a trasformare l’Olocausto in operetta, ma senza dimenticare l’immensa tragedia”.
Il film, ambientato in un piccolo villaggio ebreo della Romania, narra che nel 1941, per evitare la deportazione, gli abitanti del villaggio allestiscono un finto convoglio ferroviario e partono nel folle tentativo di raggiungere il confine con l’Urss. Il film sarà proiettato due volte, alle ore 18 e alle ore 21, presso la sala del Cinema Dopolavoro Ferroviario, sita in via Nino Bixio di Reggio Calabria. Dopo ogni proiezione (durata: h 1.43) seguirà un breve dibattito. L’accesso alla sala sarà libero e gratuito.
Per presentare l’iniziativa sul “Giorno della Memoria” ed il film “Train de vie”, le associazioni promotrici hanno invitato la stampa ad un incontro, previsto per le ore 17.15 di domani presso la sala del cinema Dopolavoro Ferroviario di Reggio Calabria, sito in via Nino Bixio.

Reggio: Alla Provincia Romeo parla di Shoah
Per non dimenticare
Un incontro si terrà domani alle ore 17 presso la Sala della Biblioteca della Provincia, con l’intervento di Antonino Romeo, studioso attento della shoah e della persecuzione del popolo ebreo, al quale ha dedicato nel corso del tempo una serie importante di ricerche.
All’iniziativa prenderanno parte anche narratori e poeti reggini con letture di versi e brani narrativi.

Polistena non scorda l’Olocausto (p.cat.)
Polistena - Il 27 gennaio 1945, si celebrava un momento storico: venivano aperti i cancelli di Auschwitz, uno dei campi di concentramento più tristemente noti dell'ultimo conflitto mondiale. Le scene innanzi ai soldati che liberarono il campo, trasmesse migliaia di volte dalle televisioni di tutto il mondo, sono impresse nella memoria collettiva. Domani si celebra a Polistena, come in tutta Italia, per l'undicesima volta, la “Giornata della Memoria, in ricordo della Shoah”, per non dimenticare quanto accaduto.
In occasione della ricorrenza, l'amministrazione ha organizzato una manifestazione che si svolgerà all'Auditorium comunale, in due fasi: alle ore 10,30 incontro con gli studenti dell'Istituto Comprensivo “G. Salvemini” e del Circolo Didattico di Polistena. Moderati dal vice sindaco Marco Policaro, interverranno il sindaco Michele Tripodi, l'assessore alla P.I. Antonio Muscherà e i Dirigenti scolastici Maria Domenica Mallamaci e Francesco Nasso.
Alle ore 21,30, concerto del cantautore Pino Barillà, accompagnato da un trio di giovani musicisti formato da Paco Barillà (batteria),Domenico Napoli (chitarra) e Tommaso Pugliese (basso).

Catanzaro. “Il silenzio dei vivi” ricordo della Shoah
L’Accademia civica d'arte teatrale "Officina teatrale" e le Scuole civiche di teatro di Catanzaro, presentano "Il silenzio dei vivi", domani al Politeama alle ore 21. L'opera racconta con sentimento, ma anche con un velo di ironia, l'oscura pagina della shoah. Al termine dibattito con la sopravvissuta ai campi di concentramento, Elvira Frankel

Crotone: Giornata della memoria, due le iniziativeLa Prefettura consegna le medaglie d’onore,
il Comune parla di Shoah agli studenti
La consegna delle “medaglie d’onore” rilasciate dalla presidenza del Consiglio dei ministri ai cittadini italiani, militari e civili, ed ai familiari dei deceduti che siano stati deportati o internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra nell’ultimo conflitto mondiale: questo il momento clou delle celebrazioni promosse dalla prefettura di Crotone in occasione della Giornata della memoria. La cerimonia si svolgerà domani alle 10,30 presso la la Sala riunioni della prefettura di Crotone. Nella provincia di Crotone saranno insigniti Giuseppe Foresta e Giuseppe Grotteria di Crotone, Giacomo Mauro di San Nicola dell’Alto ed Ernesto Terminelli di Cirò Marina. Alla cerimonia, presieduta dal prefetto di Crotone, Vincenzo Panico, saranno presenti i sindaci di Crotone, Peppino Vallone, di San Nicola dell’Alto, Francesco Scarpelli e di Cirò Marina NicodemoParrilla, il presidente della Provincia, Stanislao Zurlo, il questore, Giuseppe Gammino, i comandanti provinciali dei Carabinieri, Francesco Iacono, della Guardia di finanza, tenente colonnello Teodosio Marmo e del Corpo forestale dello Stato, Domenico Archinà ed il Coordinatore dell’Ambito territoriale Provinciale dell’Ufficio scolastico Regionale ,Luciano Greco.
L’amministrazione comunale, invece, nell’ambito del percorso progettuale “Il Libro dei Valori”, programmato dall’assessorato alla pubblica istruzione, oggi alle 10 nella sala consiliare del Comune di Crotone proporrà una manifestazione sulla Giornata della Memoria, per parlare di leggi razziali e della Shoah. All’incontro parteciperà Lia Tagliacozzo, l’autrice del libro “Gli anni spezzati”, accompagnata dal padre di cui racconta la storia nel libro.
Interverranno tutte le scuole cittadine.

Castrovillari. Le iniziative in città per il giorno della Memoria
di Laura Capalbi
Castrovillari - Anche nella città del Pollino varie saranno le iniziative in occasione della giornata della memoria. In tal senso, il circolo del Sel, il circolo del Partito democratico, il Partito socialista, la Federazione della sinistra, hanno organizzato una serie di interessanti iniziative. Il ria, lo ricordiamo, è una ricorrenza istituita con la legge n. 211 del 2000 dal Parlamento italiano che ha in tal modo aderito alla proposta internazionale di dichiarare il giornata in commemorazione delle vittime del nazionalsocialismo e delFascismo, dell'Olocausto e in onore di coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati.
Il testo dell'articolo 1 della legge così definisce le finalità del giorno della memoria: «LaRepubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.
Ecco l’intero programma della giornata che si svolgerà a Castrovillari.
A partire dalle ore 10:30 nel Chiostro del Protoconvento francescano visita guidata nel centro storico a cura del Gruppo archeologico del Pollino. Alle ore 11:30 sempre nel chiostro del protoconvento “Refugee blues”, poesia di W. H. Auden, interpretata dalle alunne della professoressa Pina Sangineti della 4 Lb del liceo scientifico E. Mattei di Castrovillari. Accompagnamento musicale a cura di Alessandro Calvosa (violino).
Alle 17,30nella sala 14 del Protoconvento francescano proiezione di filmati originali sul campo di concentramento di Ferramenti di Tarsia. Interventi del dr Francesco Panebianco (Presidente fondazione internazionale Ferramenti di Tarsia); testimonianza di Edith Fischof Gilboa (internata nel campo “Ferramenti nel 1941”. Alle 18,30 nella Sala bar del Protoconcento Francescano reading a cura di Fabio Pellicori e Lorena Martufi; accompagnamento musicale: Lucia Vincenti (pianoforte).
Alle 21,30 al Dome Publunge bar, concerto di Sasà Calabrese, Jazz Trio.

Cetraro. Scuole del territorio impegnate per la Giornata della Memoria (cle. ro.)
Cetraro - È in programma per domani la Giornata della Memoria, dedicata alle vittime dell’Olocausto, con una manifestazione organizzata, in collaborazione, dal Comune di Cetraro e dalle scuole cittadine, che si svolgerà, a partire dalle ore 10, nel Teatro comunale “Filippo Lanza”. Alla celebrazione interverranno gli studenti della città, il sindaco, Giuseppe Aieta, il presidente del Consiglio comunale, Beniamino Iacovo, i dirigenti degli Istituti scolastici del territorio: il professor Giorgio Clarizio, dell’Istituto d’Istruzione superiore “Silvio Lopiano”, la professoressa Pasqualina Mocciaro, dell’Istituto comprensivo “Corrado Alvaro”, e la dottoressa Franceschina Antonuccio, della Scuola dell’infanzia e primaria della città, nonché tutti parroci di Cetraro.

Corigliano. Incontro sulla Giornata della Memoria (l. l.)
Corigliano - Domani alle 18,30 anche a Corigliano sarà celebrata la “Giornata della memoria”, la manifestazione si inserisce nelle tante che si svolgeranno in tutta la provincia cosentina.
Organizzato dal comitato “27 gennaio”, l’evento si terrà nei locali del Centro d’eccellenza allo scalo nel tardo pomeriggio. Nel corso delle celebrazioni della Giornata della memoria, verranno letti alcuni brani di testimonianze dirette della tragedia dell’olocausto ed a seguire sarà trasmesso un filmato per ricordare le vittime del nazismo.
«L’obiettivo - fanno sapere dal comitato “27 gennaio” nell’annunciare la manifestazione - di questa iniziativa è dare, anche alla nostra città, la possibilità di vivere un momento di ricordo e di riflessione sul periodo più barbaro e disumano che la storia umana abbia attraversato».
Il comitato ha invitato la città a partecipare.

Nessun commento: