Calabria judaica - Sud ebraico

Calabria judaica ~ Sud ebraico
Storia, cultura e attualità ebraiche in Calabria
con uno sguardo al futuro e a tutto il Meridione

Secondo una leggenda, che attesta l'antica frequentazione orientale della nostra regione, Reggio fu fondata da Aschenez, pronipote di Noé.
La sinagoga del IV secolo, ricca di mosaici, di Bova Marina, è la più antica in Occidente dopo quella di Ostia Antica; a Reggio fu stampata la prima opera in ebraico con indicazione di data, il commento di Rashì alla Torah; Chayim Vital haQalavrezì, il calabrese, fu grande studioso di kabbalah, noto anche con l'acronimo Rachu.
Nel Medioevo moltissimi furono gli ebrei che si stabilirono in Calabria, aumentando fino alla cacciata all'inizio del XVI secolo; tornarono per pochi anni, richiamati dagli abitanti oppressi dai banchieri cristiani, ma furono definitivamente cacciati nel 1541, evento che non fu estraneo alla decadenza economica della Calabria, in particolare nel settore legato alla lavorazione della seta.
Dopo l’espulsione definitiva, gli ebrei (ufficialmente) sparirono, e tornarono temporaneamente nella triste circostanza dell’internamento a Ferramonti; oggi non vi sono che isolate presenze, ma d'estate la Riviera dei Cedri si riempie di rabbini che vengono a raccogliere i frutti per la celebrazione di Sukkot (la festa delle Capanne).
Questo blog è dedito in primo luogo allo studio della storia e della cultura ebraica in Calabria; a
ttraverso questo studio vuole concorrere, nei suoi limiti, alla rinascita dell'ebraismo calabrese; solidale con l'unica democrazia del Medio Oriente si propone come ponte di conoscenza e amicizia tra la nostra terra e Israele.

IN PRIMO PIANO: eventi e appuntamenti


24 gennaio, Reggio; Mostra 24 gennaio-12 febbraio: Giorno della memoria al MaRC

24-29 gennaio, Ferramonti di Tarsia: Celebrazione del giorno della memoria

24, 27 e 29 gennaio, Castrovillari; Mostra 24 gennaio - 2 febbraio; 28 gennaio, Morano: Per il giorno della memoria


25 gennaio, Vadue di Carolei (CS): "Vedere l'Altro, vedere la Shoah"

25-27 gennaio, Catanzaro Lido e varie località della provincia: Iniziative dell'Anpi provinciale


1° febbraio, Roma: Il viaggio del Pentcho

24.11.2016 - 10.3.2017, Napoli: Progetto Wajda

c

c

martedì 9 settembre 2008

Ricordo di due Giusti

In un post di parecchio tempo fa avevo parlato di Angelo De Fiore, il Giusto delle Nazioni di Rota Greca in provincia di Cosenza.
Sono ora molto contento di leggere che ci si ricorda ancora di lui, e che nel suo ricordo vengono ricordati altri Giusti!

Calabria Ora - Domenica 7 settembre 2008
In ricordo di due eroi moderni
(g.a.u.)
La quarta edizione di “Una vita per la vita” in onore di De Fiore e Calipari

Pietra che allo Yad Vashem ricorda i Giusti italiani
Rota Greca -
Angelo De Fiore e Nicola Calipari,“Due eroi moderni, anche se in periodi diversi, due uomini dello Stato che hanno onorato il mandato ricevuto e che sono oggi accomunati trai giusti”.
Li ha descritti con queste parole il questore di Cosenza, Raffaele Salerno, i due eroi italiani e calabresi, che hanno lasciato un segno indelebile nella memoria di tutti noi italiani.
La quarta edizione della manifestazione “Una vita per la vita” per commemorare il ricordo del questore Angelo De Fiore, quest’anno ha visto la consegnato del premio alla senatrice Rosa Villecco Calipari, in memoria del marito Nicola Calipari, funzionario del Sismi, ucciso a Baghdad durante la liberazione della giornalista Giuliana Sgrena. Angelo De Fiore, nato proprio a Rota Greca, negli anni in cui prestava servizio in qualità di responsabile dell’Ufficio stranieri della questura di Roma, durante le leggi razziali emanate contro gli ebrei, salvò, da morte sicura, centinaia di ebrei, mettendo in serio pericolo la propria vita e quella dei suoi famigliari.
Oggi Angelo De Fiore è tra i “Giusti d’Israele”, il suo nome oltre ad essere nel giardino dei giusti, scolpito sulla stele della Collina degli Ulivi, è ricordato anche con un monumento a Rota Greca, paese d’origine. Alla cerimonia hanno partecipato il prefetto di Cosenza, Melchiorre Fallica, autorità civili, militari, politiche, religiose e associazionistiche.
Per l’occasione il premio in memoria di Nicola Calipari è stato ritirato dal questore Salerno, mentre il dottore Madrigrano ha portato il saluto della senatrice Calipari.
Nella precedente edizione, era stato ricordato il Maresciallo di Pubblica Sicurezza Lenin Mancuso, anch'egli nato a Rota Greca, morto tragicamente insieme al magistrato Cesare Terranova in un agguato mafioso a Palermo nel 1979, mentre svolgeva il servizio di scorta.

Nessun commento: