Calabria judaica - Sud ebraico

Calabria judaica ~ Sud ebraico
Storia, cultura e attualità ebraiche in Calabria
con uno sguardo al futuro e a tutto il Meridione

Secondo una leggenda, che attesta l'antica frequentazione orientale della nostra regione, Reggio fu fondata da Aschenez, pronipote di Noé.
La sinagoga del IV secolo, ricca di mosaici, di Bova Marina, è la più antica in Occidente dopo quella di Ostia Antica; a Reggio fu stampata la prima opera in ebraico con indicazione di data, il commento di Rashì alla Torah; Chayim Vital haQalavrezì, il calabrese, fu grande studioso di kabbalah, noto anche con l'acronimo Rachu.
Nel Medioevo moltissimi furono gli ebrei che si stabilirono in Calabria, aumentando fino alla cacciata all'inizio del XVI secolo; tornarono per pochi anni, richiamati dagli abitanti oppressi dai banchieri cristiani, ma furono definitivamente cacciati nel 1541, evento che non fu estraneo alla decadenza economica della Calabria, in particolare nel settore legato alla lavorazione della seta.
Dopo l’espulsione definitiva, gli ebrei (ufficialmente) sparirono, e tornarono temporaneamente nella triste circostanza dell’internamento a Ferramonti; oggi non vi sono che isolate presenze, ma d'estate la Riviera dei Cedri si riempie di rabbini che vengono a raccogliere i frutti per la celebrazione di Sukkot (la festa delle Capanne).
Questo blog è dedito in primo luogo allo studio della storia e della cultura ebraica in Calabria; a
ttraverso questo studio vuole concorrere, nei suoi limiti, alla rinascita dell'ebraismo calabrese; solidale con l'unica democrazia del Medio Oriente si propone come ponte di conoscenza e amicizia tra la nostra terra e Israele.

IN PRIMO PIANO: eventi e appuntamenti

c

c

martedì 9 settembre 2008

7° Raduno Nazionale di EDIPI

Ieri avevo parlato della Chiesa di Palmi. Oggi voglio ricordare un appuntamento che l'EDIPI (Evangelici d'Italia per Israele), a cui la Chiesa appartiene e che ugualmente avevo ricordato ieri, ha organizzato proprio nella città calabrese dal 17 al 19 ottobre.
Si tratta del 7° Raduno Nazionale di EDIPI, che come ogni anno avrà una forte caratterizzazione di amicizia con gli ebrei e con il popolo di Israele, tanto più che negli stessi giorni ricorre l'importante festa ebraica di
Sukkot.

Il raduno avrà, ovviamente, una connotazione di fede e di preghiera, voglio comunque segnalare due appuntamenti che possono essere particolarmente interessanti per gli amici di Israele:
- Sabato 18 ottobre alle 18,30 l’Ufficio del turismo israeliano presenterà nuovi progetti di viaggi in Israele.
- Domenica 19 ottobre alle 11,15 vi sarà il saluto del Rappresentante dell’Ambasciata di Israele in Italia.

L'incontro si svolgerà presso l’Hotel Stella Maris.
Pensione completa è di 90 € (supplemento singola: 30 €)
- I bimbi fino a tre anni NON PAGANO
- l’iscrizione al congresso é di 10 €
Segreteria organizzativa: tel/fax: 0966 261910 - email: segreteria.geis@alice.it - Cell:339 4427115
Segreteria EDIPI: 049 8073447 oppure 347 5788106 - email: tnt@bhb.it

Qui potete trovare l'intero programma, le modalità di partecipazione e una presentazione degli oratori, mentre qui potete vedere una locandina più sintetica.

Mi permetto soltanto di fare (in totale e sincera amicizia) un mio appunto di carattere personale.
Sinceramente trovo un po' stridente che dei sinceri amici del popolo ebraico dedichino tanto spazio ad un movimento come quello degli ebrei messianici, che dall'ebraismo mondiale vengono in qualche modo visti come elemento di potenziale dissoluzione del popolo ebraico.

Nessun commento: