Calabria judaica - Sud ebraico

Calabria judaica ~ Sud ebraico
Storia, cultura e attualità ebraiche in Calabria
con uno sguardo al futuro e a tutto il Meridione

Secondo una leggenda, che attesta l'antica frequentazione orientale della nostra regione, Reggio fu fondata da Aschenez, pronipote di Noé.
La sinagoga del IV secolo, ricca di mosaici, di Bova Marina, è la più antica in Occidente dopo quella di Ostia Antica; a Reggio fu stampata la prima opera in ebraico con indicazione di data, il commento di Rashì alla Torah; Chayim Vital haQalavrezì, il calabrese, fu grande studioso di kabbalah, noto anche con l'acronimo Rachu.
Nel Medioevo moltissimi furono gli ebrei che si stabilirono in Calabria, aumentando fino alla cacciata all'inizio del XVI secolo; tornarono per pochi anni, richiamati dagli abitanti oppressi dai banchieri cristiani, ma furono definitivamente cacciati nel 1541, evento che non fu estraneo alla decadenza economica della Calabria, in particolare nel settore legato alla lavorazione della seta.
Dopo l’espulsione definitiva, gli ebrei (ufficialmente) sparirono, e tornarono temporaneamente nella triste circostanza dell’internamento a Ferramonti; oggi non vi sono che isolate presenze, ma d'estate la Riviera dei Cedri si riempie di rabbini che vengono a raccogliere i frutti per la celebrazione di Sukkot (la festa delle Capanne).
Questo blog è dedito in primo luogo allo studio della storia e della cultura ebraica in Calabria; a
ttraverso questo studio vuole concorrere, nei suoi limiti, alla rinascita dell'ebraismo calabrese; solidale con l'unica democrazia del Medio Oriente si propone come ponte di conoscenza e amicizia tra la nostra terra e Israele.

IN PRIMO PIANO: eventi e appuntamenti

c

c

giovedì 24 gennaio 2013

Reggio ricorda gli ebrei polacchi


Bellissima iniziativa, ma purtroppo non sono riuscito a trovare l'orario,
mi auguro non sia nel pomeriggio, a Shabbat iniziato

Reggio Calabria. Il giorno della memoria
Luigi Palamara da MNews.it 
Ricordare è un dovere: "La Memoria dei Polacchi in Calabria"
Gli Ebrei Polacchi finiti nei campi di sterminio
Il 27 gennaio 1945 le truppe sovietiche dell'Armata rossa arrivarono ad Oswiecim (nome tedesco di Auschwitz) e scoprirono il campo di concentramento, liberandone i pochi superstiti.
Il 27 gennaio è stato consegnato alla storia come una ricorrenza internazionale da celebrare in commemorazione delle vittime del nazismo.
Il 27 gennaio il ricordo della Shoah è celebrato in molte nazioni, e la provincia di Reggio Calabria si sta preparando in pompa magna a celebrare l'evento con una ricca programmazione e coinvolgendo trasversalmente tutte le categorie istituzionali e non, presenti sul territorio, a partire dalle scuole.
In occasione della Giornata della Memoria 2013 la dirigente provinciale la dirigente del settore "Politiche comunitarie, giovanili e sociali Amelia Crucitti ed il Presidente del Coniglio Antonio Eroi (in collaborazione con il Centro Studi Triveneto sulla Shoa, l'Associazione di Volontariato Smiles, l'Associazione Nazionale Polacchi in Calabria e il Dopolavoro Ferroviario di Reggio Calabria) hanno calendarizzato degli eventi che prevedono, su autorizzazione del Presidente della Provincia Giuseppe Raffa, la proposta di un gemellaggio con la corrispondente Provincia polacca di Oswiecim e un viaggio al campo di Auschwitz per le scuole che si sono distinte nella realizzazione di lavori sulla Shoah.
L'appuntamento è quindi previsto per il prossimo venerdì, quando nel Palazzo di via Foti presenzieranno a ricordare lo sterminio del popolo ebreo il professore Antonio Sorrenti (Presidente del Centro Studi del Triveneto sulla Shoah), il Presidente dell'Associazione Polacchi in Calabria, la responsabile del Settore Gemellaggi AICCRE, la Consigliera di Parità Daniela De Blasio, l'avvocato Paola Rizzuto Responsabile LIDU (Lega Internazionale per i Diritti dell'Uomo), il Direttore Generale della Provincia di Reggio Calabria Antonino Minicuci, il Presidente della Provincia di Reggio Calabria Giuseppe Raffa, il presidente del Consiglio Antonio Eroi, l'Assessore alla Cultura e Legalità Eduardo Lamberti Castronuovo , l'Assessore all'Istruzione del comune di Palmi, il Presidente della Provincia di Oswiecim Jozef Krawczyk,
In quella occasione verrà anche firmato il "Giuramento di Fraternità" che è stato adottato con delibera durante lo scorso Consiglio provinciale.

Nessun commento: