Calabria judaica - Sud ebraico

Calabria judaica ~ Sud ebraico
Storia, cultura e attualità ebraiche in Calabria
con uno sguardo al futuro e a tutto il Meridione

Secondo una leggenda, che attesta l'antica frequentazione orientale della nostra regione, Reggio fu fondata da Aschenez, pronipote di Noé.
La sinagoga del IV secolo, ricca di mosaici, di Bova Marina, è la più antica in Occidente dopo quella di Ostia Antica; a Reggio fu stampata la prima opera in ebraico con indicazione di data, il commento di Rashì alla Torah; Chayim Vital haQalavrezì, il calabrese, fu grande studioso di kabbalah, noto anche con l'acronimo Rachu.
Nel Medioevo moltissimi furono gli ebrei che si stabilirono in Calabria, aumentando fino alla cacciata all'inizio del XVI secolo; tornarono per pochi anni, richiamati dagli abitanti oppressi dai banchieri cristiani, ma furono definitivamente cacciati nel 1541, evento che non fu estraneo alla decadenza economica della Calabria, in particolare nel settore legato alla lavorazione della seta.
Dopo l’espulsione definitiva, gli ebrei (ufficialmente) sparirono, e tornarono temporaneamente nella triste circostanza dell’internamento a Ferramonti; oggi non vi sono che isolate presenze, ma d'estate la Riviera dei Cedri si riempie di rabbini che vengono a raccogliere i frutti per la celebrazione di Sukkot (la festa delle Capanne).
Questo blog è dedito in primo luogo allo studio della storia e della cultura ebraica in Calabria; a
ttraverso questo studio vuole concorrere, nei suoi limiti, alla rinascita dell'ebraismo calabrese; solidale con l'unica democrazia del Medio Oriente si propone come ponte di conoscenza e amicizia tra la nostra terra e Israele.

IN PRIMO PIANO: eventi e appuntamenti

c

c

giovedì 4 febbraio 2010

Studenti calabresi visiterano campi sterminio tedeschi

(AGI) - Catanzaro, 4 febbraio
Antimafia e memoria. Sono questi i punti cardine del percorso "Treno della memoria" che coinvolge gli studenti calabresi grazie all'iniziativa nata tra l'assessorato regionale alla Pubblica istruzione, l'associazione Libera, e la collaborazione con l'assessorato alla legalita' della Provincia di Reggio Calabria e il sodalizio "Terra del fuoco".
L'iniziativa e' stata presentata questa mattina, a Catanzaro, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il vicepresidente della Giunta regionale, Domenico Cersosimo, il referente di Libera, don Pino Demasi, l'assessore provinciale reggino Michele Tripodi. Grazie a questo progetto 150 giovani studenti calabresi partiranno il prossimo 12 febbraio per Auschwitz e Birkenau.
A questo si aggiunge il percorso educativo rivolto all'antimafia, con una manifestazione conclusiva in programma per il 25 aprile sui terreni confiscati alla mafia.
Il referente di Libera ha illustrato il progetto: "Il Treno della memoria - ha detto don Demasi - e' un viaggio nella storia e nella memoria. Per tutto l'anno scolastico i ragazzi sono chiamati ad approfondire le tematiche storiche relative al periodo della seconda guerra mondiale. Quindi ripercorreranno in treno, simbolicamente, il viaggio dei deportati".
L'idea nasce dallo scorso anno, quando otto ragazzi di Polistena si aggregarono agli studenti del Trentino per compiere il viaggio in Germania. "Il treno che parte dalla Calabria - ha sostenuto il referente di Libera - intende coniugare il percorso educativo avviato sin dallo scorso mese di novembre con i temi dell'antimafia". Don Demasi ha ricordato che, rispetto alla situazione della criminalita' organizzata, "la situazione e' diventata insostenibile, per questo e' necessario l'impegno di tutti per cambiare la nostra regione".
L'assessore provinciale di Reggio Calabria, Michele Tripodi, ha sottolineato l'impegno di Libera che, ha detto, "ha voluto coniugare la grande sensibilita' della memoria storica con il tema dei diritti e dell'impegno per l'antimafia. Saranno sette giorni non in gita scolastica - ha concluso - ma un viaggio di studio, approfondimento e riflessione".
Un progetto che ha trovato la piena condivisione del vicepresidente Cerosimo, il quale ha sostenuto che "la proposta di Demasi e' coerente con il disegno della Regione: la scuola come investimento piu' importante per la Calabria. I giovani sono il presente della regione e la scuola e' il luogo per l'apprendistato civile perche' si preformano le personalita' dei cittadini". Il vicepresidente ha puntato l'attenzione sulla "politica nazionale dei tagli indiscriminati nei confronti della scuola" e sulle differenze tra scuole anche dello stesso territorio. Quindi, ha evidenziato l'importanza formativa del viaggio nei campi di sterminio, aggiungendo che "il richiamo all'antimafia e' importante, perche' oggi Auschwitz e' a casa nostra, considerato che e' raccapricciante che un uomo possa uccidere un altro uomo".
Quindici le scuole coinvolte nel progetto, in rappresentanza di tutta la regione, con un investimento complessivo di 75 mila euro. "Abbiamo privilegiato le scuole tecniche - ha concluso Cersosimo - perche' spesso sono quelle che hanno meno opportunita' nelle attivita' extracurriculari".

Il viaggio si svolgerà dal 12 febbraio al 19 febbraio, con partenza e ritorno da da Bari. Ecco dal sito Terra del fuoco (dove potete vedere anche il programma e altre informazioni) l’elenco delle scuole partecipanti.

Cosenza
1) Istituto Omnicomprensivo, Mormanno
2) Istituto Tecnico Commerciale Giovanni Paolo II, Diamante
3) Istituto Istruzione Superiore IPSSCT IPSIA, Paola

Reggio Calabria
1) Istituto Tecnico Industriale “M. M. Milano”, Polistena
2) Istituto Magistrale Statale “Giuseppe Rechichi”, Polistena
3) Istituto Professionale Industria e Artigianato, Siderno
4) Istituto Tecnico Industriale “A. Panella”, Reggio Calabria
5) Istituto Istruzione Superiore “G. F. Gemelli Careri”, Taurianova
6) Istituto Tecnico Commerciale “G. Ferraris”, Reggio Calabria
7) Istituto Magistrale “C. Alvaro”, Palmi

Catanzaro
1) Istituto professionale per i servizi alberghieri e della ristorazione, Soverato
2) Istituto Istruzione Superiore L. Costanzo, Decollatura

Vibo Valentia
1) Ist. Prof. Serv. Alb. Rist. e per l’Agr. con Conv., Vibo Valentia
2) Istituto Istruzione Superiore Geometri E I.P.S.I.A. “G.Prestia”, Vibo Valentia

Crotone
1) Liceo Ginnasio Statale “Pitagora”, Crotone

Nessun commento: