Calabria judaica - Sud ebraico

Calabria judaica ~ Sud ebraico
Storia, cultura e attualità ebraiche in Calabria
con uno sguardo al futuro e a tutto il Meridione

Secondo una leggenda, che attesta l'antica frequentazione orientale della nostra regione, Reggio fu fondata da Aschenez, pronipote di Noé.
La sinagoga del IV secolo, ricca di mosaici, di Bova Marina, è la più antica in Occidente dopo quella di Ostia Antica; a Reggio fu stampata la prima opera in ebraico con indicazione di data, il commento di Rashì alla Torah; Chayim Vital haQalavrezì, il calabrese, fu grande studioso di kabbalah, noto anche con l'acronimo Rachu.
Nel Medioevo moltissimi furono gli ebrei che si stabilirono in Calabria, aumentando fino alla cacciata all'inizio del XVI secolo; tornarono per pochi anni, richiamati dagli abitanti oppressi dai banchieri cristiani, ma furono definitivamente cacciati nel 1541, evento che non fu estraneo alla decadenza economica della Calabria, in particolare nel settore legato alla lavorazione della seta.
Dopo l’espulsione definitiva, gli ebrei (ufficialmente) sparirono, e tornarono temporaneamente nella triste circostanza dell’internamento a Ferramonti; oggi non vi sono che isolate presenze, ma d'estate la Riviera dei Cedri si riempie di rabbini che vengono a raccogliere i frutti per la celebrazione di Sukkot (la festa delle Capanne).
Questo blog è dedito in primo luogo allo studio della storia e della cultura ebraica in Calabria; a
ttraverso questo studio vuole concorrere, nei suoi limiti, alla rinascita dell'ebraismo calabrese; solidale con l'unica democrazia del Medio Oriente si propone come ponte di conoscenza e amicizia tra la nostra terra e Israele.

IN PRIMO PIANO: eventi e appuntamenti

c

c

mercoledì 15 ottobre 2008

Un primo quadro generale

Chiedo scusa per la latitanza di questi giorni: un po' non sto molto bene (la vecchiaia incombe!), un po' sono molto impegnato in varei ricerche di vario genere.
Voglio qui presentarvi un primo frutto dell'elaborazione di questi giorni: una cartina (piuttosto grande!) della Calabria con l'indicazione delle località dove ci sono state presenze ebraiche.
In rettangolo blu con accanto la Stella di David sono indicate le località dove le presenze sono assolutamente sicure, grazie a documentazioni archeologiche, archivistiche o letterarie.
Entro un triangolo rosso sono invece segnate le località in cui la presenza ebraica è attestata da elementi toponomastici, tradizioni popolari, documenti da verificare, o, semplicemente, località in cui la presenza è sicura, ma non ho trovato io il testo in cui veniva dato il riverimento documentario; devo dire che, onestamente, per circa il 90% delle località segnate in rosso si può comunque presumere che la presenza era certa, ma, non potendo produrre "pezze d'appoggio" sicure, le lascio in dubbio.
Il lavoro è ancora in corso, e già ho ci sono una quindicina di località più di quelle indicate in questa cartina: spero entro breve di poterla completare, fermo restando che, con l'avanzamento delle ricerche degli studiosi, prevedo che tra qualche tempo sarà impossibile disegnare una cartina leggibile!
Ovviamente, per poter leggere bene i nomi delle località, bisogna cliccarci su e ingrandirla.
Le collocazioni di alcuni posti sono leggermente imprecise, perché, man mano che li aggiungevo, dovevo disegnare in aree già "piene", e quindi inevitabilmente il nome e/o il disegno dovevo metterlo dove trovavo spazio.
Conto, dopo averla completata, rifarla dall'inizio, in modo da poter collocare i vari luoghi con maggiore precisione.
Un'ultima precisazione: parecchi luoghi in realtà non risultano in nessuna fonte letteraria, non perché non ci siano stati ebrei, ma perché sono luoghi che hanno cambiato nome (esempio: Steccato, tra Botricello e Isola Capo Rizzuto, è, o dovrebbe essere, l'antica Tacina o Torre di Tacina, dove è certa la presenza ebraica) oppure hanno perso di rilevanza, e sono diventati frazioni di altri comuni (esempio: nella cartina è segnata, tra Montalto e Torano, Lattarico; in realtà la segnalazione si riferisce a Regina, attualmente frazione di Lattarico, dove vi fu una vivace e rilevante presenza ebraica).

Nessun commento: