Calabria judaica - Sud ebraico

Calabria judaica ~ Sud ebraico
Storia, cultura e attualità ebraiche in Calabria
con uno sguardo al futuro e a tutto il Meridione

Secondo una leggenda, che attesta l'antica frequentazione orientale della nostra regione, Reggio fu fondata da Aschenez, pronipote di Noé.
La sinagoga del IV secolo, ricca di mosaici, di Bova Marina, è la più antica in Occidente dopo quella di Ostia Antica; a Reggio fu stampata la prima opera in ebraico con indicazione di data, il commento di Rashì alla Torah; Chayim Vital haQalavrezì, il calabrese, fu grande studioso di kabbalah, noto anche con l'acronimo Rachu.
Nel Medioevo moltissimi furono gli ebrei che si stabilirono in Calabria, aumentando fino alla cacciata all'inizio del XVI secolo; tornarono per pochi anni, richiamati dagli abitanti oppressi dai banchieri cristiani, ma furono definitivamente cacciati nel 1541, evento che non fu estraneo alla decadenza economica della Calabria, in particolare nel settore legato alla lavorazione della seta.
Dopo l’espulsione definitiva, gli ebrei (ufficialmente) sparirono, e tornarono temporaneamente nella triste circostanza dell’internamento a Ferramonti; oggi non vi sono che isolate presenze, ma d'estate la Riviera dei Cedri si riempie di rabbini che vengono a raccogliere i frutti per la celebrazione di Sukkot (la festa delle Capanne).
Questo blog è dedito in primo luogo allo studio della storia e della cultura ebraica in Calabria; a
ttraverso questo studio vuole concorrere, nei suoi limiti, alla rinascita dell'ebraismo calabrese; solidale con l'unica democrazia del Medio Oriente si propone come ponte di conoscenza e amicizia tra la nostra terra e Israele.

IN PRIMO PIANO: eventi e appuntamenti


24 gennaio, Reggio; Mostra 24 gennaio-12 febbraio: Giorno della memoria al MaRC

24-29 gennaio, Ferramonti di Tarsia: Celebrazione del giorno della memoria

24, 27 e 29 gennaio, Castrovillari; Mostra 24 gennaio - 2 febbraio; 28 gennaio, Morano: Per il giorno della memoria


25 gennaio, Vadue di Carolei (CS): "Vedere l'Altro, vedere la Shoah"

25-27 gennaio, Catanzaro Lido e varie località della provincia: Iniziative dell'Anpi provinciale


1° febbraio, Roma: Il viaggio del Pentcho

24.11.2016 - 10.3.2017, Napoli: Progetto Wajda

c

c

venerdì 2 ottobre 2015

VeZot haBerachah 5776




שבת שלום!
SHABBAT SHALOM!


Shabbat 20 Tishri 5776
(3 ottobre 2015)

Parashat veZot: Devarim (Deuteronomio) 33,1-34,12
Haftarah: Ezechiele 38,118-39,16







Questa parashà è l’ultima parashà del Libro di Devarìm-Deuteronomio. Vengono elencate le benedizione che Moshè elargisce ad ogununa delle dodici tribù del popolo d’Israele prima della sua morte. Moshè conferisce un ruolo particolare all’interno della comunità di Israele ad ogni tribù.
In seguito la parashà narra come Moshè sale al monte Nevò da dove vede la Terra Promessa.
 “E Moshè il servo di D-o morì nella Terra di Moav tramite la bocca di D-o…e nessun uomo conosce il luogo della sua sepoltura fino al giorno d’oggi”. La Torà finisce con l’affermazione che “Non è più sorto in Israele un profeta come Moshè, che D-o conosceva a faccia a faccia..”







di Rav Riccardo Pacifici
Anticipo da oggi l'illustrazione all'ultima Parashà della Torà che leggeremo Martedì prossimo (14 ottobre 1941), quest'ultima Parashà che è la degna chiusura di tutto il Pentateuco, oltre che del quinto libro di Mosè.
La Parashà ci presenta gli ultimi istanti della vita di Mosè sulla terra: dopo gli avvertimenti solenni a più riprese enunciati e che io vi ho illustrato nelle Parashoth precedenti, dopo gli ammonimenti solenni, l'estremo saluto, l'estremo augurio. Come un padre prima di morire benedice i suoi figli, così Mosè, padre spirituale di tutto Israele, impartisce ad ogni tribù la sua benedizione; così aveva fatto anche il terzo patriarca, Giacobbe, quando in terra d'Egitto aveva benedetto i suoi figli: con quella benedizione si chiude il primo libro della Torà, con questa benedizione si chiude l'ultimo. Là erano presenti i 12 figli d'Israele Giacobbe, qui i 12 figli sono diventati le 12 tribù di un grande popolo. Anche lì, però, come qui, il padre nella sua benedizione presagisce con occhio profetico l'avvenire dei dodici figli, annuncia in breve sintesi quali saranno i futuri destini, le future attività, le funzioni e i compiti di ogni prosapia d'Israele. Anche qui l'animo del profeta detta i suoi sentimenti alla bocca del poeta, che con accenti sublimi ci delinea le caratteristiche salienti di ogni tribù e quasi ci fa passare dinanzi allo sguardo la visione del futuro Israele, dell'Israele ormai stabilito nella sua terra. Ma di questa magnifica pagina io non posso tracciarvi tutte le bellezze, tutti i riposti pensieri, tutte le piccole e grandi sfumature, non posso guidarvi attraverso queste fervide parole augurali, sino all'invocazione massima che tutte le supera e le corona, sino all'invocazione che esalta la beatitudine unica di Israele: popolo unico di Dio. Io mi limiterò soltanto a dirvi che qui, proprio in queste ultime righe della nostra Torà, la personalità eccelsa di Mosè si stacca in tutta la sua divina grandezza, proprio nel momento in cui egli contempla e benedice il suo popolo, contempla e ammira la terra. Proprio in queste pagine c'è la sintesi di Mosè uomo, di Mosè profeta. Qui egli si innalza al di sopra degli uomini, qui egli è più che altrove, nelle pagine del suo libro, "uomo di Dio". Non a lui l'ingresso in quella terra che era stata il suo sogno, non a lui i trionfi delle conquiste terrene, non a lui gli onori del regno e del trono. Mosè è superiore alle conquiste, agli onori, ai troni e ai regni di tutta la terra. La sua titanica figura si può dire si dilegua insensibilmente dallo sguardo del popolo, che ne sa imminente la dipartita estrema, la sua figura che ammira dalle alture del monte Nebo la terra d'Israele, non discende più da quelle alture, ma sparisce di là nella purezza dei cieli e nell'amplesso di Dio. La sua morte non conosce l'esaurimento e l'agonia del corpo, non conosce neppure la diminuita vitalità della mente e dello spirito. Mosè è vegeto e forte nel corpo e nello spirito e la morte non è il segno della fine, ma quasi l'annuncio della sua esaltazione, del suo trasumanarsi, del suo passaggio naturale e insensibile dalla sfera dell'umano a quella del divino.
La morte di Mosè è come dicono i nostri maestri, la morte nel bacio di Dio, sublime immagine poetica che solo gli ardimenti poetici del Midrash potevano creare, sublime immagine nella quale si compendia il significato di una vita così alta che culmina nell'unione dolce e nell'amplesso di Dio. Mosè si allontana da questa terra e nel momento del suo distacco, nessuno gli è vicino, nessuno né dei familiari, né dei discepoli, né del popolo; egli è solo come tutti i grandi spiriti, egli è solo al cospetto di Dio. Egli si diparte, ma i resti mortali del suo corpo, non sono raccolti e composti nella pace del sepolcro: non una tomba, non un mausoleo, perché nessun monumento terreno sarebbe stato degno di lui. Solo Iddio assiste al suo trapasso, solo Iddio si interessa della sepoltura di Mosè, nessuno sarebbe stato degno di tanto ufficio, ed ecco quindi che il monte e la valle sono la sua sepoltura, ecco quindi che nel teatro grandioso di questo spettacolo naturale, lì alle pendici del monte Nebo, all'ultimo corso della valle del Giordano, là dinanzi agli estremi limiti della terra d'Israele, là in quel quadro si chiude la vita terrena del grande condottiero: "Velò qam navi 'od be-Israel" (Deut., XXXIV, 10).
E non sorse più profeta pari a Mosè, che potesse conoscere il Signore faccia a faccia. Queste parole che con poche altre chiudono il testo della Torà, sono l'elogio più alto di lui. "Non sorse più" ma lo spirito ebraico, che legge, intende anche: non sorge e non sorgerà più. Mosè uomo di Dio, profeta sommo, ha realizzato sulla terra l'ideale dell'uomo vicino a Dio. Egli è stato l'uomo, l'uomo e il maestro, il condottiero, il supremo moderatore, e il più profondo conoscitore dell'anima della sua gente, colui che ha avvicinato questa gente a Dio, colui che ha portato a questa gente la legge e l'insegnamento di Dio. Questo è l'uomo Mosè che non ha lasciato monumenti di marmo o di bronzo, questo è l'uomo di cui Israele non conobbe la sepoltura, perché egli non è morto, ma è vivo in mezzo al suo popolo, attraverso la sua parola, il suo insegnamento eterno di verità, attraverso la sua legge che non sul marmo o sul bronzo, ma sui cuori nostri sta scritta e non è destinata a scomparire, come i monumenti terreni, perché questa è la Torà, che a noi ha comandato Mosè, eredità di tutta la progenie di Giacobbe: "Torà tzivvà lànu Moshè morashav qehilath Ja'aqov" (Deut. XXXIII, 4).

Nessun commento: