Calabria judaica - Sud ebraico

Calabria judaica ~ Sud ebraico
Storia, cultura e attualità ebraiche in Calabria
con uno sguardo al futuro e a tutto il Meridione

Secondo una leggenda, che attesta l'antica frequentazione orientale della nostra regione, Reggio fu fondata da Aschenez, pronipote di Noé.
La sinagoga del IV secolo, ricca di mosaici, di Bova Marina, è la più antica in Occidente dopo quella di Ostia Antica; a Reggio fu stampata la prima opera in ebraico con indicazione di data, il commento di Rashì alla Torah; Chayim Vital haQalavrezì, il calabrese, fu grande studioso di kabbalah, noto anche con l'acronimo Rachu.
Nel Medioevo moltissimi furono gli ebrei che si stabilirono in Calabria, aumentando fino alla cacciata all'inizio del XVI secolo; tornarono per pochi anni, richiamati dagli abitanti oppressi dai banchieri cristiani, ma furono definitivamente cacciati nel 1541, evento che non fu estraneo alla decadenza economica della Calabria, in particolare nel settore legato alla lavorazione della seta.
Dopo l’espulsione definitiva, gli ebrei (ufficialmente) sparirono, e tornarono temporaneamente nella triste circostanza dell’internamento a Ferramonti; oggi non vi sono che isolate presenze, ma d'estate la Riviera dei Cedri si riempie di rabbini che vengono a raccogliere i frutti per la celebrazione di Sukkot (la festa delle Capanne).
Questo blog è dedito in primo luogo allo studio della storia e della cultura ebraica in Calabria; a
ttraverso questo studio vuole concorrere, nei suoi limiti, alla rinascita dell'ebraismo calabrese; solidale con l'unica democrazia del Medio Oriente si propone come ponte di conoscenza e amicizia tra la nostra terra e Israele.

IN PRIMO PIANO: eventi e appuntamenti

GIORNO DELLA MEMORIA 2017: INIZIATIVE IN CALABRIA

c

c

venerdì 1 giugno 2012

Shabbat a Taureana di Palmi!

 Shabbat in campeggio o in albergo in Calabria (Taureana 22 – 24 giugno)
Per informazioni e prenotazioni contattare Roque Pugliese:
roquechai@tiscali.it

Prenotazioni: entro il 7 giugno 2012
Taureana è una località calabrese affacciata sullo splendido balcone della Costa Viola del Tirreno dai colori mutevoli che riflettono tutta la gamma dei blu e dei violetti, da cui il nome Costa Viola.
In questa spettacolare cornice naturale, la Circoscrizione Calabrese della Comunità di Napoli invita a trascorrere uno Shabbat particolare. Da Venerdì 22 a Domenica 24 Giugno (2 – 4 Tamuz) si starà tutti assieme sotto gli ombrosi e freschi alberi di un camping, accanto a misteriosi reperti archeologici. Non mancheranno escursioni nei dintorni ricchi di storia: dalla appassionata storia di Donna Canfora ai resti di Taureana, al Sevivon del Museo di Palmi e a tanti altri misteri.
Oltre alle attività tipiche dello shabbath sono previste lezioni e interventi di rav Scialom Bahbout, Rabbino Capo della Comunità ebraica di Napoli, e dell’ing. Alberto Piperno da Gerusalemme.
Pernottamento:

Sono previste due soluzioni
1) Albergo: a brevissima distanza a piedi dal Campeggio.
E’ convenzionato con la Comunità (escluso il periodo 1 – 19 agosto):
Prezzi al giorno: camera doppia 30 € a persona, singola 50 €.
L'Hotel offre l’utilizzo gratuito del centro benessere (sauna ,bagno turco, idromassaggio e piscina coperta climatizzata semiolimpionica).

2) Campeggio: sistemazione in comode roulotte, provviste di cucina esterna e frigo, a 10 euro a persona
sistemazione in tenda e sacchi a pelo immersi in una natura incontaminata in un campeggio illuminato.

Servizi esterni molto curati

Vi sarà una quota per i pasti e i servizi.

Nessun commento: