Calabria judaica - Sud ebraico

Calabria judaica ~ Sud ebraico
Storia, cultura e attualità ebraiche in Calabria
con uno sguardo al futuro e a tutto il Meridione

Secondo una leggenda, che attesta l'antica frequentazione orientale della nostra regione, Reggio fu fondata da Aschenez, pronipote di Noé.
La sinagoga del IV secolo, ricca di mosaici, di Bova Marina, è la più antica in Occidente dopo quella di Ostia Antica; a Reggio fu stampata la prima opera in ebraico con indicazione di data, il commento di Rashì alla Torah; Chayim Vital haQalavrezì, il calabrese, fu grande studioso di kabbalah, noto anche con l'acronimo Rachu.
Nel Medioevo moltissimi furono gli ebrei che si stabilirono in Calabria, aumentando fino alla cacciata all'inizio del XVI secolo; tornarono per pochi anni, richiamati dagli abitanti oppressi dai banchieri cristiani, ma furono definitivamente cacciati nel 1541, evento che non fu estraneo alla decadenza economica della Calabria, in particolare nel settore legato alla lavorazione della seta.
Dopo l’espulsione definitiva, gli ebrei (ufficialmente) sparirono, e tornarono temporaneamente nella triste circostanza dell’internamento a Ferramonti; oggi non vi sono che isolate presenze, ma d'estate la Riviera dei Cedri si riempie di rabbini che vengono a raccogliere i frutti per la celebrazione di Sukkot (la festa delle Capanne).
Questo blog è dedito in primo luogo allo studio della storia e della cultura ebraica in Calabria; a
ttraverso questo studio vuole concorrere, nei suoi limiti, alla rinascita dell'ebraismo calabrese; solidale con l'unica democrazia del Medio Oriente si propone come ponte di conoscenza e amicizia tra la nostra terra e Israele.

IN PRIMO PIANO: eventi e appuntamenti


24 gennaio, Reggio; Mostra 24 gennaio-12 febbraio: Giorno della memoria al MaRC

24-29 gennaio, Ferramonti di Tarsia: Celebrazione del giorno della memoria

24, 27 e 29 gennaio, Castrovillari; Mostra 24 gennaio - 2 febbraio; 28 gennaio, Morano: Per il giorno della memoria


25 gennaio, Vadue di Carolei (CS): "Vedere l'Altro, vedere la Shoah"

25-27 gennaio, Catanzaro Lido e varie località della provincia: Iniziative dell'Anpi provinciale


1° febbraio, Roma: Il viaggio del Pentcho

24.11.2016 - 10.3.2017, Napoli: Progetto Wajda

c

c

martedì 23 dicembre 2008

Accensione della Chanukkia

Alessandro Cannatà, Giuseppe Scopelliti,
Riccardo Pacifici, Antonio Sorrenti

Si è svolta domenica l'accensione del primo lume dei candelabri di Chanukkah.
Come avevo preannunciato, la Chanukkiah del Tempio Maggiore di Roma è stata accesa con l'olio portato dalla Calabria (quella interna al Tempio, all'esterno i Vigili del fuoco hanno fatto usare, per motivi di sicurezza, il kerosene).
Prima della celebrazione in sinagoga, c'è stato un incontro in Comunità del sindaco di Reggio, Giuseppe Scopelliti, del rappresentante della Provincia di Reggio, Alessandro Cannatà, già sindaco di Cittanova, di Antonio Sorrenti, infaticabile organizzatore, con Riccardo Pacifici, Presidente della Comunità ebraica romana, Emanuele Di Porto, Segretario della Comunità, e con il Rabbino Capo, Rav Riccardo Di Segni, che si è aggiunto in un secondo tempo, essendo rimasto bloccato dal traffico natalizio!
Gli esponenti della Comunità sono stati invitati a venire in Calabria, e tutti speriamo che questo accada al più presto; inoltre ci è stato assicurato che si lavorerà per esaminare la possibilità di far rinascere in Calabria, come è successo a Trani, una comunità ebraica, se sarà possibile, e questa è davvero una notizia bellissima!
Dopo alcuni brevi discorsi e lo scambio reciproco di doni (un bellissimo libro sui Bronzi di Riace è stato offerto insieme ad un antico libro che, stampato a Livorno, proveniente da una biblioteca di Parma, è passato dalla biblioteca di Haifa prima di approdare a Cittanova ed ora a Roma; la Comunità ha regalato un bellissimo libro sulla Sinagoga di Roma a tutti i presenti e un libro con itinerari ebraici nel Lazio al Sindaco e al Consigliere), siamo scesi in sinagoga dove è iniziata la celebrazione di Chanukkah.
E' stato veramente molto commovente, specialmente quando è arrivato Rav Elio Toaff, a cui, con molta umiltà, Rav Di Segni ha ceduto l'onore di accendere la prima luce.
I canti che hanno accompagnato la celebrazione mi hanno molto ricordato certi canti di chiesa delle nostre parti...
Dopo, siamo andati all'esterno, dove è stata accesa la Chanukkià del giardino, accompagnata dal suono dell'Orchestra Ozen.
Poi, le autorità sono state a Piazza Barberini, dove è stata accesa un'altra Chanukkià, come ormai si fa da molti anni da parte della comunità Chabad, e anche qui è stato portato il nostro olio.
Infine, la sera, alcuni di noi sono stati a cena ospiti della Comunità, e si è proseguito l'approfondimento di rapporti e delle iniziative.

Oggi, alle 18,30 verrà accesa la terza luce della Chanukkià che si trova al Portico d'Ottavia davanti alla scuola ebraica, con la partecipazione dell'assessore all'agricoltura della Regione Calabria, Mario Pirillo, ed in questa occasione verranno offerti olio e clementine di Calabria ai ragazzi ebrei e non ebrei che saranno presenti; inoltre, altro olio ed altre clementine verranno offerte alla Comunità per essere dati ai membri più poveri.

Non è che l'inizio di un rapporto che speriamo continui nel tempo, con gioia ed entusiasmo reciproci.



Nessun commento: